Banana Bread Vegan

Volete preparare qualcosa di sano e gustoso per la vostra colazione o quella della vostra famiglia? Questo Banana Bread Vegan è la risposta!

banana bread

È:

  • facilissimo
  • velocissimo
  • gustosissimo
  • vegan
  • senza grassi animali
  • senza uova
  • senza zucchero
  • con farina integrale
  • dolce ma non troppo!
  • è antispreco:  è un modo per riutilizzare banane troppo mature che altrimenti finirebbero nella spazzatura

Il Banana Bread si può cuocere in forno o nella macchina del pane.

Ingredienti

3 banane di medie dimensioni
5 cucchiai di sciroppo di agave (o miele se non siete vegani)
200 ml latte di soia
80 ml olio di semi (io ho usato l’olio di girasole)
80 g anacardi (io ho usato quelli salati perché mi piace il contrasto dolce/salato)
500 g di farina integrale
1 bustina di lievito per dolci

Procedimento

  1. Per preparare il Banana Bread Vegan, per prima cosa occorre tagliare le banane a rondelle e renderle poltiglia (si possono schiacciare con la forchetta o usando lo schiacciapatate – quest’ultimo metodo è più veloce)
  2. Al purè di banane aggiungere il miele e mescolare, quindi versare il latte di soia e l’olio,  la farina setacciata con il lievito e infine gli anacardi.

Se si utilizza la macchina del pane è sufficiente eseguire la fase 1) del procedimento, quindi versare tutti gli ingredienti nella macchina del pane e usare la funzione “Torte”, che impasta e cuoce. Altrimenti il Banana Bread si può cuocere in forno a 160° o sempre nella macchina del pane (opzione Cottura 1 ora).

Il Banana Bread si può mangiare da solo a fette o si può gustare anche con un po’ di marmellata spalmata sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001.

©2016 Clelia B.